21 settembre 2015

Le amiche e le torte: il banana bread al grano saraceno di Rossella

banana bread grano saraceno noci
La ricetta di oggi viene dal blog di Rossella e so che è una delle sue preferite.. Davvero non so più in quante differenti varianti si possa declinare un dolce semplice e casalingo come il banana bread, qui sul mio blog ormai ho perso il conto delle proposte sfornate fino ad oggi. Questa torta in realtà è stata preparata prima della pausa estiva, nel fine settimana appena passato infatti il mio forno è stato occupato da una serie di dolci di ispirazione natalizia per un servizio a cui sto lavorando (se ieri mattina vi siete fermati al distributore Eni sul raccordo e avete visto una pazza che potava rami di abete ero io...) e che però non finiranno qui sul blog perciò non ho avuto materialmente il tempo di farne uno da postare qui (anche se oggi a colazione abbiamo degustato un cake speziato ai datteri, per dire..) ma per fortuna mi sono ricordata di questo "ennesimo" banana bread che avevo preparato un po' di tempo fa e non avevo ancora postato. La mia versione è solo leggermente differente da quella della mia amica Vaniglia perché io non ci ho messo il cioccolato e ho aumentato un po' le dosi per farla nel formato che più amo, quello del plum cake. La farina di grano saraceno è stata una piacevole riscoperta negli ultimi tempi. In passato si vede che non sono stata fortunata con questo tipo di farina, le ho sempre trovate molto grossolane con risultati sugli impasti non sempre soddisfacenti perciò in un certo senso avevo smesso di prenderla in considerazione. Ultimamente invece ho scoperto quella del Molino Rossetto che invece ha una grana molto molto fine ed è perfetta per qualsiasi preparazione, compresi i dolci e i lievitati. Il dolce, che ve lo dico affà, è buonissimo ma d'altra parte tutti i dolci della Ross lo sono (lei si che è un'esperta del campo!) la mia versione ve la riporto comodamente qui sotto nel caso in cui decidiate di sfornarla per la vostra prossima colazione.. Buona settimana!






BANANA BREAD AL GRANO SARACENO E NOCI PECAN
.............................................................


::Ingredienti:: 

2 banane mature
75 ml di olio di semi di mais
2 uova
120 g di farina di grano saraceno (per me, Mulino Rossetto)
120 g di zucchero di canna integrale
120 g di farina 00
1 bustina di lievito per dolci
100 ml di latte
80-100 g circa di gherigli di noce pecan tritati grossolanamente

Scaldate il forno a 170° C.
Schiacciate la polpa delle banane (semmai bagnatela con qualche goccia di limone per non farla annerire) e tenetela da parte.
Sbattete energicamente le uova con lo zucchero fino a farle raddoppiare di volume, unite la polpa delle banane e amalgamate.
A parte, mescolate le due farine con il lievito e aggiungetene circa la metà al composto. Versate a filo il latte sempre amalgamando e quindi il resto delle farine. Aggiungete le noci tritate e l'olio e lavorate ancora per qualche minuto.
Foderate con carta forno uno stampo da plum cake e fate cuocere il dolce per circa 45 minuti o finché il dolce non risulterà cotto al centro alla prova stecchino.
Sfornate, fate raffreddare il dolce nello stampo finché non è possibile estrarlo, quindi mettetelo su una griglia e fate finire di raffreddare. 


9 commenti:

  1. Allora.
    Sono senza parole per una serie di motivi.

    a. ci vediamo a pranzo tutte le settimane, ci sentiamo via sms, mail, tel segnali di fumo praticamente giorno e notte, ci rincorriamo a volte col pensiero, e quando trovo una ricetta mia qui che faccio? Mi emoziono ancora così tanto????

    b. questo cake l'ho rifatto anche io di recente e proprio nel formato lungo (ma guai a togliere il cioccolato, nel mio caso, anzi, fra un po' affogheremo, di ciocco :))

    c. STAMATTINA ANCHE NOI ABBIAMO FATTO COLAZIONE CON UN COSO AI DATTERI. Scusa il maiuscolo ma quando ce vo' ce vo'. Niente a che vedere col Natale ma con un sanissimo ripulisti dispensa prima che la dispensa non ci mangi invece che viceversa come dovrebbe essere, e prima di ricominciare col balletto lavorativo che tu sai

    d. <3

    RispondiElimina
  2. ah, ps.

    e. anche io oggi ho un pallocco in basso a destra sulla foto :D

    RispondiElimina
  3. allora...io vi amo tutte e due <3 E questo Banana bread devo farlo, giacchè uno serio ancora mi manca ( però tra qualche gg ne metto uno veg ).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francy bbellabbella, ciao! Io allora aspetto il tuo con una certa trepidazione :)

      Elimina
  4. Brava tu e brava Rossella... tra le due non so quale scegliere. Vi prendo tutte e due in affitto per le mie colazione ci state?!

    RispondiElimina
  5. Merhabalar, muhteşem güzel görünüyor. Ellerinize sağlık.

    Saygılar.

    RispondiElimina
  6. cara Barbara, non vedevo l'ora di arrivare qui dal banana bread della scorsa settimana!! poi vedi impegni, ultimo anno di liceo (che io sono ancora piccola..) e altre complicazioni mi sono dovuta tenere lontana. I banana bread sono la mia ossessione più grande, e mi pare di capire di non essere l'unica ad amarli così tanto in questa rete di food bloggers... ne ho almeno quattro o cinque versioni in cantiere e non vedo l'ora di ampliare il mio repertorio!:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si cara Marta! penso che ad accomunarci in effetti sia una generalizzata esigenza di smaltire qualche banana sul viale del tramonto (il che a pensarci mi fa anche riflettere sul perché molte foodblogger mangino tante banane??) e poi in particolare a me piace moltissimo la consistenza che le banane nell'imasto conferiscono a questo tipi di dolce, mantenendoli morbidi e umidi al punto giusto.. aspetto i tuoi di banana bread allora e ti auguro un meraviglioso ultimo anno di liceo (oddio, sei più piccina della mia figliastra il che mi ha fatto spuntare almeno altri 20 capelli bianchi all'improvviso...)

      Elimina
  7. Invece la farina di grano saraceno io la adoro, letteralmente. Mi ricorda l'infanzia e quei pizzoccheri che mia madre portava a casa ad ogni viaggio di ritorno dal mio paese di nascita e dove lei ha vissuto per un po' di anni. Erano una novità, qui, a Napoli, allora. E oggi che trovo facilmente la farina di grano saraceno anche qui, la utilizzo spesso sia per i pizzoccheri, ma anche e soprattutto per i dolci. Mi piace il sapore rustico e casalingo che gli dona. Mi hai messo voglia di riprepararmi il banana bread, versione montagna :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...