08 settembre 2014

Mc. Donald's, tu m'hai provocato...

nuggets 680
Lo scorso fine settimana abbiamo messo in pratica una di quelle idee fisse che mi giravano nella testa da un po', ovvero quella di preparare in casa i Chicken Nuggets come quelli che piacciono tanto ai ragazzini e che si comprano in quasi tutti i fast food. Ecco proprio quelli, fritti dorati e apparentemente deliziosi al palato degli under 14, salvo poi essere preparati con ingredienti non meglio identificati (e sicuramente ci sarà anche del pollo, ma vai a sapere di che qualità). Insommma la sfida era di riuscire a riprodurre i famigerati in casa e così, dopo aver gironozolato in rete, siamo giunti a questo primo esperimento che, devo dire, ha raccolto i favori soprattutto da parte della metà "teen" della famigliastra, veri estimatori dei Chicken Nuggets dell'abominevole uomo del fast food d'oltre oceano. 
Che poi non è che io sia propriamente una "talebana" della cucina sana, non mi si può certamente definire una fanatica del cibo-naturale-biologico-sano-autoprodotto a tutti i costi.. Anzi, il mio motto "per scacciare le amarezze fatti un piatto di schifezze" della mia adolescenza viene di tanto in tanto riproposto ancora oggi.. insomma, la food-schifezza attira spesso anche me, ma ho alcuni limiti che non riesco a superare e uno di questi inizia per Mc. e finisce per Donald's.. proprio e 'un gliela fo'... se devo mangiarmi un bell'hamburger con salse, bacon, formaggio e cipolla accompagnato da un bel piatto di patatine croccanti e salatine non lo disdegno affatto, anzi! ma che sia un hamburger fatto come si deve, cotto al momento, da almeno 150 g di carne buona e succulenta, caldo, con il formaggio buono e filante, il bacon di qualità, il pane giusto.. insomma, paradossalmente sono più esigente sulla "schifezza" che su tutto il resto, forse nel tentativo di autoconvinzione che in fin dei conti tanto schifezza non è...


Vi devo anticipare che la frittura di questi bocconcini richiede una certa dose di santa pazienza, e anche di olio di gomito per ripulire i fornelli dopo aver finito. Se avete una friggitrice, vedete di rispolverarla che sicuramente agevolerà il procedimento. Io non sono una grande fan del fritto fatto in casa, proprio per questo motivo, ma almeno in questo primo tentativo abbiamo preferito la cottura tradizionale delle pepite di pollo, anche se prevedo presto esperimenti meno impegnativi dal punto di vista della cottura.
Il segreto di questi bocconcini di pollo sta nella marinatura, che ha reso un semplicissimo petto di pollo tenerissimo e succulento come non mai. E poi il sistema di panatura e frittura "al contrario", ovvero con un passaggio prima nella farina e poi nell'uovo, per finire direttamente nell'olio bollente. Fondamentale è la cottura di pochi bocconcini alla volta per evitare che la temperatura dell'olio si abbassi durante la frittura, quindi è consigliabile un passaggio in forno per mantenerli in caldo prima di servirli. Abbiamo scelto di accompagnarli con delle patatine tipo chips fatte in casa, piuttosto che delle più tradizionali patatine tipo french fries, soprattutto per evitare di dover stare a friggere contemporaneamente sia le patatine che il pollo (queste chips infatti le potete preparare in anticipo perché sono buonissime anche fredde). Non mi resta che svelarvi la ricetta e invitarvi a provarli appena possibile perché sono veramente deliziosi..



Chicken Nuggets e Potato Chips

per i chicken nuggets:
1 petto di pollo intero da 500 g di buona qualità
250 ml di latte
2 cucchiai e 1/2 di succo di limone
3 spicchi d'aglio
5-6 rametti timo fresco
sale e pepe

per la panatura:
4 cucchiai di farina 00
2-3 cucchiaini di paprika dolce
sale, pepe
2 uova

per le chips:
4 patate medie
sale, pepe nero

2 l di olio di semi di girasole per friggere 


Per i bocconcini di pollo, iniziate con la marinatura: tagliate il petto di pollo a bocconcini, non troppo grandi, eliminando il grasso, le cartilagini e gli eventuali ossicini. Mettete il pollo in una ciotola, aggiungete il latte, il limone, gli spicchi d'aglio schiacciati con l'apposito attrezzo (noi ne abbiamo messi 3 e devo dire che si sentiva parecchio, se non amate troppo il gusto dell'aglio potete ridurne la quantità), le foglioline dei rametti di timo, una spolverata di sale e pepe. Mescolate bene, coprite con pellicola e fate riposare in frigorifero per almeno 3 ore. In una ciotola mescolate la farina con la paprika, una spolverata di sale e pepe. Scolate i bocconcini di pollo dalla marinatura e passateli nella farina aromatizzata. A parte, sbattete bene le uova e passatevi i bocconcini di pollo infarinati, fate scolare l'uovo in eccesso e tuffateli pochi per volta nell'olio bollente finché non risulteranno belli dorati. Scolateli su carta assorbente e sistemateli su una teglia, via via che sono pronti, da tenere in caldo nel forno a circa 100° C. Serviteli con senape e salsa barbecue (la nostra è auto prodotta, ma la ricetta ve la darò un'altra volta!)
Per le chips: lavate bene le patate con la buccia e tagliatele a fettine sottilissime con una mandolina. Mettetele a bagno sotto un getto di acqua corrente finché l'acqua non sarà diventata trasparente. Scolatele e asciugatele bene su grandi teli asciutti. Tuffatele un po' per volta nell'olio bollente finché non saranno belle dorate e croccanti e mettetele a scolare su grandi vassoi coperti da carta assorbente per eliminare l'olio in eccesso. Condite solo prima di servirle, con abbondante sale e pepe nero macinato al momento.
Per 4. 


8 commenti:

  1. Mannaggia!e dove sono finita?perchè io questa mattina ti avevo lasciato un bel messaggio lungo lungo :-)
    Cmq proverò a fare un riassunto anche se è difficile perchè io quando mi appassiono mi dilungoooo dilungo tanto!Allora ti dicevo ad esempio che il 'cibo schifezza' inteso semplicemente come cibo 'calorico' io lo adoro, lo adoro da impazzire!Ma nel caso della tua bella proposta, più che consolarmici devo assolutamente prima esplorarla e sai perchè?Perchè io il pollo fritto non l'ho assaggiato mai!!!Capisci quale colpa ho verso me stessa?Bene poi arrivi tu con la soluzione sul vassoio e io comincio a scriverti un ringraziamento lungo come una litania :-) Adesso affido a questo mio secondo tentativo la promessa solenne che appena assaggerò questa delizia tu sarai la prima a saperlo!Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come ti ho già anticipato privatamente, non è proprio possibile che tu possa continuare senza aver mai mangiato il pollo fritto! seguiranno altri post sul tema, quindi, per dirla all'ammericana... stay tuned!

      Elimina
  2. innanzi tutto complimenti per questa ricetta così semplice ma nello stesso tempo così complessa (da vera "santa pazienza" come dici!)
    tutto fuorché cibo da fast food ma piatto saporito e curato. la foto presenta il piatto in modo chic ed elegante...sicura che sono "solo" pollo e patine fritte?;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. assolutamene si! provare per credere :-) e grazie per essere passata di qui

      Elimina
  3. Il tuo motto è da stampare e tenere a portata di mano! Devo confessare di non friggere mai in casa, per vari motivi...e adesso come faccio che mi hai fatto venir voglia di nuggets?!!! Crudele la cucina, crudele...

    RispondiElimina
  4. Ti seguo da parecchio, ma sempre in silenzio, ora che anche io ho aperto un mio piccolo angolo passo di qui per dirti che sei sempre un esempio, sia per le bellissime ricette che per le fotografie che catturano..
    Non mi piaceva scrivere senza avere un "volto" per cui ora sono passata e ti lascio un saluto :)
    Veronica ^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veronica, ma grazie! allora eccoti finalmente "allo scoperto"! Ne approfitto anche per farti un grosso in bocca al lupo per la tua nuova avventura online, ora vado a leggermi il tuo blog ma da quello che ho sbirciato mi piace molto!
      a presto, fatti sentire eh!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...