25 febbraio 2013

Che Pavlova sia!

pavlova cover

Non posso credere che in tanti anni di fedele ammirazione della magnifica Donna Hay (Nostra Signora dei foodblogger) io non abbia mai preparato una Pavlova. Eppure è così, ma io questo dolce tipico dell'Australia e della Nuova Zelanda che è presente praticamente su ogni libro e su moltissimi numeri dei suoi meravigliosi magazine, fino ad oggi, non avevo mai osato prepararlo. Forse perché le meringhe sono sempre state un po' il mio "tallone d'Achille" in cucina, anzi ad essere sincera direi che sono state un'infilata di disastri uno dopo l'altro..


lamponi ciotolina

Ne ho sfornate di ogni genere: marroncine e irrimediabilmente piatte, oppure gonfie ma appiccicose in maniera irreversibile, tremendamente dure o talmente fragili da disintegrarsi al solo contatto con l'aria. Capite bene perciò che, seppur io desiderassi da tempo cimentarmi in questa meraviglia di dolce, il fatto che fosse costituito per metà di meringa mi lasciava sempre piuttosto perplessa. Metteteci pure che le Pavlova di Donna Hay sono la perfezione fatta dessert, insomma.. ansia da prestazione ai massimi storici! Qualche giorno fa mi sono però finalmente decisa, complici dei meravigliosi quanto perfetti mini lamponi trovati al supermercato. Perciò mi sono detta: è arrivato il momento, Pavlova.. o tu o io! La ricetta, 'manco a dirlo, è di Donna Hay ed è, naturalmente, perfetta. La mia unica modifica è stata la sostituzione dell'aceto con il succo di limone, per il resto è la ricetta del libro "Frutta" della collana "sempliciessenziali" di Donna Hay, pubblicato in Italia da Guido Tommasi Editore. La mia è per 3 albumi (ne avevo solo 3..) e sono venute 4 piccole Pavlova mono porzione, nella ricetta originale gli albumi erano 4 (e gli altri ingredienti in proporzione) per una Pavlova grande da 18 cm. Il risultato? Giudicate voi!

pavlova ricetta
La Pavlova può essere decorata con qualsiasi tipo di frutto, ma secondo me l'abbinamento con i lamponi e la panna montata è decisamente perfetto: l'acidità e la succosità dei lamponi si sposa magnificamente con la cremosità della panna montata e l'evanescente croccantezza della meringa, che bilancia con il suo sapore dolce e zuccherino gli altri ingredienti. Tutto sommato è un dolce molto semplice da preparare, ed è perfetto in versione mono porzione per concludere una cena speciale.. credetemi, farete un figurone! Bella e buona, e facile! Potete preparare le meringhe in anticipo, anche il giorno prima se volete. Poi  montate la panna prima che arrivino gli ospiti e conservatela nel frigorifero. Infine assemblate il dolce all'ultimo momento e servitelo dopo averlo spolverato con una generosa nevicata di zucchero a velo. Io non l'ho messo in quello della foto perché mi dispiaceva troppo coprire quei deliziosi lamponi, ma voi fatelo perché è davvero il tocco finale che fa la differenza. Allora... che Pavlova sia!

27 commenti:

  1. Mi sembra che lo splendido risultato parli da solo e sono d'accordissimo sull'abbinamento coi lamponi (che non riesco più a trovare da mesi).
    Bravissima!
    PS Sempre belle le tue foto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sui lamponi non ci capisco più nulla... sta di fatto che quando ne trovo di belli li prendo e via. purtroppo spesso nelle confezioni la metà è da buttar via, sono talmente delicati.. ma in questa scatolina erano praticamente tutti perfetti, e poi piccolissimi, tutti interi.. praticamente un miracolo! In genere mi ritrovo a comprarne almeno 3-4 confezioni per poterne mettere insieme una quantità sufficiente (non ti dico poi quanto tempo ci perdo a ispezionare il contenuto di ciascuna confezione per verificarne lo stato.. ormai al supermercato dove vado sempre penseranno che lavoro per i NAS!)
      e la Pavlova è buonissima, da ora in poi mai più senza!

      Elimina
  2. mi sembra che anche a te sia venuta meravigliosamente bene...le foto parlano da sole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda, sono rimasta stupefatta io stessa alla vista di queste meringhe perfette.. ma d'altra parte Donna Hay non è mica diventata Donna Hay per caso, no?
      Grazie Simo!

      Elimina
  3. Beh, sembra una montagnola di neve..direi che è perfetta!! Splendide foto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille Chiara
      è un dolce che si scioglie letteralmente in bocca.. se non l'hai mai fatto ti consiglio di provarlo!

      Elimina
  4. La pioggia del weekend scorso mi ha letteralmente chiuso in casa, cosa che ho gradito pienamente. Tra le cose che avrei voluto fare c'era proprio la pavlova. Un giorno ci riusciro' anch'io! Bella la foto e mi piace l'accostamento tovaglietta rossa, scritta rossa, lamponi rossi, cornice rossa....i dettagli sono tutto :-)

    RispondiElimina
  5. è un dolce... commovente, per eleganza e delicatezza! :) sei bravissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi fai arrossire come i lamponi della pavlova!
      comunque su una cosa hai ragione, la pavlova è un dolce assolutamente elegante e delicato, perfetto per stupire gli amici alla fine di una cena speciale.

      Elimina
  6. Oh. Ecchime. Stamane blogger fagocitommi il commento, che diceva foto bellissima, grande fortuna ammìa con pavlovE, anche se facendole d'estate mentre vado liscia con la meringa rischio sempre tanto con impazzimanti varii panna, contestualmente chiedeva consiglio a te, che per mìa hai le risposte di tutto lo scibile culinario, e che augurava buona settimana (difficile fare lo stesso augurio ora, ehm...)
    baci compare! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bellezza, e che consiglio mi volevi chiedere?

      Elimina
    2. ehm giusto. Come non far impazzire la panna quando fanno 40 gradi in cucina (ci portiamo avanti con le stagioni, va').
      (recipiente + fruste elettriche in freezer già provato, ma 40 gradi so' sempre 40 gradi, e non sempre la cosa funzione... :( )

      Elimina
  7. Io non l'ho mai preparata, nonostante mi affascini molto, perchè con le meringhe ho sempre avuto un rapporto di amore-odio. Recentemente sono giunta alla conclusione che è colpa del forno e non mia, quindi ho ideato una nuova tecnica (più che tecnica, che mi da un tono professionale, direi artefizio ^_*) per seccarle e non farle scurire che mi sta dando soddisfazioni! L'inconveniente è che delle dimensioni di una piccola pavlova non riesco a farle venire belle secche.. Proverò la tua versione prima o poi, mi sembra che ti sia venuta benissimo!
    Buona serata! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'importante è farci una bella fossetta con il cucchiaio (che poi andrà colmata con la panna e la frutta) in modo che non vengano troppo alte. comunque nel caso in cui un'ora di cottura non fosse sufficiente, puoi sempre abbassare la temperatura del forno e farle cuocere un po' di più.

      Elimina
  8. semplice ed elegante...proprio perfettaaaaaa!!!!!!!!! ^_^
    anche io non conto più i disastri che ho fatto con le signore meringhe; sono proprio antipatiche a volte :P
    bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a chi lo dici.. devo ancora capire se questà è la ricetta delle meringhe perfette o una più banale botta di fortuna. al prossimo tentativo ti saprò dire meglio!

      Elimina
  9. che buono!!! un dolce di grande effetto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, come dicevo sopra è perfetto per concludere una cena particolare. in più è un dolce che non è molto conosciuto qui in Italia perciò il figurone è garantito!

      Elimina
  10. nemmeno io l'ho mai preparate e adesso vedendo il tuo splendido risultato mi chiedo perchè??
    bravissima!
    buon pomeriggio
    ficoeuva

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è quello che mi sono chiesta anche io dopo averla assaggiata! perché oltre ad essere bella da vedere è anche deliziosa da mangiare (certo, deve piacere la meringa!)

      Elimina
  11. http://prcoolstuff.blogspot.be/2013/02/detox-health-plan.html

    Grazie mille cara Barbara!

    Katrien/Belgium.

    RispondiElimina
  12. io credo di aver fatto quasi tutte le ricette di Donna Hay (avendo tra l' altro tutti i suoi libri.. si lo so ho un problema. con lo spazio specialmente :OP) devo dire che alcune mi hanno lasciata anche un po' perplessa.. ma non esieteri un secondo davanti alla tua pavlova! bellerrima.. e poi è così fresca e colorata, un raggio di sole. mi piace!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io invece ho uno strano rapporto con i libri di cucina in generale.. ne ho veramente troppi e li sfoglio periodicamente in cerca di ispirazione, ma veramente moooolto di rado ho mai fatto una ricetta seguita alla lettera non solo dai libri di Donna Hay ma da qualsiasi libro in generale.. e dire che io sono una che le ricette le scrive ma sono io la prima che non le segue! in ogni caso, non tutte le ricette dei libri di DH (o dei magazine) le ho trovate effettivamente "riproducibili" e bisogna anche aggiungere che molto spesso si ripetono (chi ha tutti i libri e tutti i magazine lo sa!) ma sono talmente un piacere per gli occhi e una fonte inesauribile di ispirazione (grafica, fotografica, spunti etc)!
      ciò detto, sulla Pavlova non poteva che essere una ricetta super affidabile visto che è il dolce nazionale australiano, infatti funziona benissimo!
      a presto cara signorina!

      Elimina
  13. Ruberei subito un mirtillo... :-)
    E che bello tutto il bianco che c'è, emana così tanta luce...
    Francesca - La gatta col piatto che scotta

    RispondiElimina
  14. Ti ho scoperta grazie ad un post dove venivi menzionata .....subito dopo aver cliccato la parola LEI, mi è apparso un miraggio....ma che foto semplicemente favolose fai??!?!! Il bianco poi mi rapisce sempre e non posso fare a meno di seguirti, ti inserisco all' istante su Bloglovin ....e chi ti molla più !!! Ah io comunque sono Gabila e piacere di conoscerti!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Gabila! Piacere di conoscere anche te!
      grazie per la visita e per il tuo commento, sei gentilissima.
      allora ci si rivede da queste parti, ci conto!
      un abbraccio,
      Barbara

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...